Home
RECORD del MONDO!


Il volo dell’uomo uccello Dall’Africa in Sicilia,
Angelo D’Arrigo, per la prima volta al mondo, ha attraversato il Mediterraneo col Deltaplano di tubi e tela.

   

....il suo racconto!   

Il viaggio ha inizio il giorno 6 aprile 2001 sulle dune Sahariane di Ong Jemal che si trova tra i due villaggi sud tunisini di Nefta e di Tozeur vicino il confine con l'Algeria. Già di mattina l'instabilità tipica del deserto ha inizio, dalle 9.00 in poi i primi dust devil cominciano a ballare sulle cuspidi delle dune!

Programma della giornata del 6 Aprile 2001: alle 10.30 si decolla per la prima tappa, sgancio previsto a 1.000 mt sullo start che è previsto a Tamerza:
- prima boa Tamerza 60 km Cap al Nord e traversata dello Chott el Rharsa (lago salato)
- seconda boa e atterraggio previsto all'aeroporto di Gafsa 80 km Cap ad Owest Reso conto tecnico della giornata del 6 Aprile.
- decollo con vento debole 10 km/h da SW, leggermente turbolento per l'instabilità termica, pista di sabbia compatta.
La corsa di decollo, malgrado la presenza di vento, è lunga. Ciò è dovuto alla temperatura alta e alla siccità dell'aria. Lo sgancio era previsto a mille metri, ma continuo fino a quota 2.000 perchè l'instabilità che sembrava apparire negli strati bassi non è quella sperata. Come previsto, grazie all'analisi del diagramma termodinamico, alle h.12.00, a 2000 mt le termiche sono formate con una media di +3 m/s, quota di condensa 2.800mt sullo Chott mentre sulla catena montuosa di Tamerza la media passa a + 6m/s
e il livello condensa passa a 4.200 mt.
Tappa totale di 140 Km 4h30' ca, termiche ben formate, vento in coda tutto il tempo.
Totale km percorsi della tappa: 60 km trainati 80 km libero
Totale km mancanti all'arrivo: 851

Programma della giornata del 7 Aprile:
Decollo dall'aeroporto di Gafsa atterraggio previsto Mezzouna distanza 105 km / vento da owest in quota a 45 km/h  instabilità prevista medio forte. Il decollo avviene sulla pista dell'aeroporto di Gafsa, facile: vento contro e pista in asfalto.
La salita è, come prevista molto turbolenta. Visto l'instabilità mi sgancio a quota 1.000 verticale pista anzichè a quota 1.500 mt come previsto, termiche forti e violenti media 6/8 m/s quota massima raggiunta 4.600 mt sulla catena dell'Orbata (vetta 1165 mt). Tappa di 105 km percorsi in 2h30' ca.
Totale km oggi: 105 km
Totale km percorsi: 245
Totale km mancanti: 746

Programma della giornata del 8 Aprile:
Oggi è prevista una tempesta di sabbia proveniente da Ovest. In effetti nel corso delle prime ore del mattino il colore del cielo cambia in un giallo sabbia e arrivano le prime raffiche a 80 km/h. Rimaniamo nel sacco a pelo...

Programma della giornata del 9 Aprile:
Continua questa tempesta di sabbia, il vento ruota a Nord Ovest e soffia ancora forte anche se di entità minore: 40/60 km/h. Secondo giorno di ferma. Spero che non duri.

Programma del 10 Aprile:

Oggi sta per scadermi l'autorizzazione per la terza tappa. Sveglia alle 5.00 am: bisogna partire da Mezzouna per arrivare a Zeramdine come da piano di volo depositato la settimana scorsa!! 
Le autorità non hanno voluto intendere le mie necessità relative  al volo libero (termiche, instabilità e vento) nella realizzazione del percorso e sono riuscito ad ottenere un margine di due giorni per ogni tappa in caso di ritardo dovuto al maltempo, ma ora sono al limite delle autorizzazioni.
Il vento è diminuito notevolmente: 20/25 km/h ma rimane sempre dal settore Nord. Per non incombere nei problemi burocratici relativo al Notam emesso dall'aviazione civile Tunisina, decido di partire lo stesso per arrivare in questa Aviosuperfice vicino Sousse. Per motivi di piano di volo, condizione sine qua non per il Ministero dei trasporti e dell'aviazione civile Tunisina, occorrerà fare questa tappa entro stasera. Viste le condimeteo della giornata la probabilità è alta di non potere fare niente in volo libero anche oggi e rischiare un blocco burocratico decido allora di farmi trainare per tutta la tappa.
Per evitare il vento forte da nord previsto alle ore 12.00 decido di partire presto la mattina.
Decollo alle ore 6.30 am è ancora quasi buio e fa freddo. Oggi la turbolenza è forte ed è una turbolenza di vento e non di termica, un sù e giù infernale...per 4 ore coprendo 180 km. Richard (il pilota Deltamotore) ed io arriviamo stanchi. Un'ora dopo il nostro atterraggio il vento arriva come previsto con raffiche di 80 km/h, la scelta della strategia di oggi è stata
azzeccata!...
Totale km oggi: 180 km
Totale km percorsi: 425
Totale km mancanti: 566 (circa a meta)

Programma del 11 Aprile:
Vento da nord forte: un anomalia meteorologica è in atto. Non avevo mai visto nulla di simile in 25 anni di studio meteorologico: un vento da Nord proveniente dritto dritto dalla Groenlandia attraversando l'Inghilterra, la
Francia, l'Italia il Mediterraneo per arrivare nel cuore del Sahara!
Anche oggi riposo.

Programma del 12 Aprile:
Come prima di stessa intensità! E' previsto un calo ed una rotazione ad ovest per domani...Insh Halla': Il riposo comincia ad essere un pò "forzato".

Programma del 13 aprile:
Puntualmente il vento è passato ad Ovest, l'intensità è buona 20/25 km/h. Decollo alle 10.30 le prime termiche sembrano molto scarrocciate. Mi sgancio a quota 2.000 mt sulla verticale del Monte Zaghouan a Nord di Kairouan 80 km di traino e poi risalgo la catena montuosa fino El Haouaria per 110 km, in effetti il vento è traverso a SW ma debole e comunque con una componente da dietro. Man mano che mi avvicina dal Cap Bon le condizioni si fanno più deboli, il livello di condensa  si abbassa e un po dura ma si riesce a gallegiare. Aggancio l'ultimo costone che mi porterà fino al Cap Bon il vento da dietro è stato veramente di aiuto. Oggi ho veramente rischiato di bucare più volte, la vicinanza del mare si è fatta sentire.
Un'ora di traino e 4 ore di libero, con molta fatica arrivo all'obbiettivo finale della Tunisia, sulla punta estrema nord del continente Africano.
Totale km oggi: 80 km trainati e 110 in libero
Totale km percorsi: 615
Totale km mancanti: 376

Programma del 14 / 15 Aprile: 
vento da Nord Ovest moderato che per noi significa forte.

Programma del 16 aprile:
Il centro meteorologico dell'aeronautica militare italiana mi informa in questi ultimi giorni prima della traversata ogni tre ore sulla condimeteo presente quindi rilevamenti e sullo stimato delle successive 6 ore. Questo grande lavoro mi permette di essere analitico e cercare la migliore strategia per attraversare il canale di Sicilia.
Dopo l'ultimo bollettino delle ore 16.00 sembrerebbe che domani possa essere la giornata giusta: il flusso si sta prospettando con un fronte da SW creando così una componente perfetta per me, il punto sarà quello di anticipare il fronte quanto basta per esserci davanti e non dentro a causa della sabbia del Sahara trasportata da questa originaria tempesta di sabbia
nel cuore del Tenerè.
Avviso la Marina Militare, nella persona del Comandante Giorgio Sciuba, che si è occupato della programmazione, per essere in pre-allerta per la mia assistenza inerente alla traversata potenzialmente dell'indomani.

Programma del 17 Aprile:
Sveglia alle ore 5.00 am, sguardo fuori per vedere come si presenta la giornata, collegamento con la meteo e la decisione è presa: oggi si tenta la trasvolata. Nel corso della mattinata, saremmo proprio davanti a questo fronte, il meteorologo Capitano aeronautica Franco Colombo mi consiglia di aspettare domani mercoledì 18 ma secondo me sarà già troppo avanti e anche
se il vento sarà più forte rischiamo di essere presi nella trappola della forte turbolenza associata all'aria più temperata da SW e alle polvere di sabbia a volte anche molto fastidiose.
ore 6.00 italiane è partito l'elicottero assistenza della Marina Militare da Maristaeli di Catania per essere pronti a Selinunte (Trapani).
Ore 7.00 locali avviso tutte le autorità competenti per l'uscita regolmentare del territorio Tunisino: Dogana, Polizia di Stato, Polizia di Frontiera e Finanza sono presenti alla mia partenza per apporre i dovuti timbri su passaporti e quant'altro evitando così di fare il clandestino...
Ore 8.00 allestimento dell'attrezzatura di sopravvivenza in mare e vestizione:
l'Atos è reso galleggiante tramite i bordi di attacco tappati al silicone, polvere antisqualo, polvere fluorescente, canotto gonfiabile e argos balise, razzi e giubbotti forniti dall marina, tuta stagna, per la quota disponiamo di due sistemi di autorespirazione: maschera a ossigeno ermetica per erogazione di ossigeno al 100% e un sistema ausiliare di autorespirazione
arrichito (è stato quello utilizzato) con una bomboletta ed un tubicino sdoppiato alle narici, isotermia giacca e pantalone in piumino e moffole per scalate over 8000 mt. Il sovracarico è molto contenuto circa 12 kg .

Ore 9.00 tutto è pronto, briefing con Richard per le quote e per le traiettorie sia durante la salita che durante la traversata.
ore 9.15 si decolla ma il traino non va...vedo Richard in difficoltà a contrastare il velivolo che gira e tende a stallare assimetricamente.
Chiamata radio e decisione di abortire il tentativo...in Francia si dice "Merde"!
Pochi minuti dopo siamo di nuovo a terra con la pesantezza di tutto adosso e a bordo. Erano stati manomessi gli antidrappo del rimorchiatore che passavano sotto le stecche e che influivano sulla simmetria dell'ala.
Ore 9.30 decollo di nuovo, la salita è turbolenta in quanto sta arrivando il vento da SW ma avviene normalmente con un forte rateo di salita, Richard carbura il motore tramite uno speciale smagritore man mano per la presa di quota, il passo dell'elica è stato tarato per l'alta quota ed io sono molto attento a stare nella traiettoria perfetta del trainatore in modo da favorirne la salita. Ci portiamo in sopravvento del Cap in direzione WSW così che in alta quota con il vento presunto forte ci faccia, al massimo, indietreggiare fino alla verticale del Cap Bon. Questa salita sarà comunque lunga anche se perfetta: 1 ora circa di salita da quota 0 a quota 6.800 mt. tutto contro vento, anzi negli strati alti sopra ai 5.500 mt, indietreggiando!
Prendo la decisione di sganciarmi a 6.800 mt in quanto il vento è ottimo stiamo entrando nel flusso della corrente e dai miei calcoli eseguiti prima (in quota si raggiona male) avevo diverse opzioni sia per la strategia (direzione ed intensità del vento per le relative quote da raggiungere) sia per la sicurezza (guasto al motore del traino, malessere ecc).
Dopo lo sgancio la mia velocità relativa diminuisce un po, per pochi istanti raggiungerò una velocità al suolo di 220/230 km/h mentre la mia velocità sembra del tutto normale (il volo in quota fà aumentare le velocità relative Vv e Vh).
Questo valore si riduce molto rapidamente con la perdita di quota a causa della diminuzione del vento e con l'aumento della densità dell'aria, ma rimango con il vento anche se, angolato, sempre in poppa per tutta la tratta sul mare.

Fa freddo sembra tutto fermo rispetto all'acqua ma tutto sembra regolare. La temperatura è di circa 20° sotto 0 ma si è bene equipaggiati. Richard è perfetto sul suo Pegasus che mi sta a fianco, rannicchiato dietro il parabrezza, bello avere un parabrezza in questo caso!.
Sento il primo contatto radiofonico con l'elicottero della Marina Militare che mi sta seguendo al radar dalla partenza in poi e ciò nella mia posizione: verticale (quota) - orizzontale (longitudine e latitudine) con una precisione di circa 1 metro! Il Deltamotore è una massa metallica visibile al radar mentre io con l'Atos no, solo grazie ad un riflettente magnetico montato sull'Atos riesco ad essere radarabile. Questo ci consentirebbe in caso di May Day e relativo ammaraggio di essere recuperato
in poche ore.
A causa della foschia portata dal vento da SW, la terra si vedrà solo negli ultimi 50 km ma si individuano i cumuli formati nell'entroterra della Sicilia che cominciano ad assumere uno sviluppo verticale. In due ore la traversata è fatta e sono sulla verticale del tempio di Selinunte con qualche centinaia di metri in margine di sicurezza.
Atterraggio alle 12.30 sulla spiaggia di Tre Fontane, davanti alla troupe di Linea Blu che mi sta aspettando insieme alla Marina Militare, telefonata di rito alle autorità Tunisine che mi avevano assisto in partenza, per annunciarle il superamento della tappa più impegnativa di tutto il viaggio:
la Prima Traversata del Mediterraneo in Volo Libero.
Poco dopo arriva anche Richard e ci ritroviamo, con il mio compagno di viaggio, sull'altro continente e comunque sempre più vicini a casa, festeggiamenti opportuni...grande bagno di ...Champagne.
Totale km oggi: 171 km
Totale km percorsi: 786
Totale km mancanti: 205

Programma della giornata del 18 Aprile:
Decollo dalla spiaggia di tre fontane e rotta su Catania. La tratta di oggi è ambiziosa ma siamo in Italia e bucare non è un grande problema. La giornata non promette niente di buono, pertanto mi faccio trainare per 70 km fino al Monte Cammarata sul quale mi sgancio a quota 3.000 mt e poi atterrerò a Calascibetta dopo 60 km a casa di un amico che vola da quelle parti e che ci farà passare la notte a casa sua!
Totale km oggi: 130 km
Totale km percorsi: 916 km
Totale km mancanti: 75 km


Programma del 19 Aprile:
oggi è programmato l'arrivo all'aeroporto Internazionale di Catania! Non posso sbagliare.
Decollo alle ore 10.00 mi faccio portare su da Richard a 2.500 mt con due termiche intermedie arrivo sul versante Sud dell'Etna dove riesco a rimontare a quota 3.000 ma il vento sta rinforzando da SW.
Chiamo Catania avvicinamento che mi dà un sentiero di avvicinamento come ad un aereo di linea! Ci provo ma il mio finale sarà quasi in testata pista, chiamo in torre per il passaggio in ATZ che mi da le ultime meteo e la pista in uso, è strano giocare agli aerei quando sei su un Atos! Di fatti snobbo la pista e atterro davanti al piazzale di Maristaeli dove mi aspettavano mia
moglie, Gabriele mio figlio ed un pugno di amici. Richard è atterrato già da un pezzo e quando ho messo i piedi a terra l'istinto è stato quello di ripartire verso alte mete...
Il mio viaggio è veramente finito...
Totale km oggi: 75 km
Totale km percorsi: 991 km
Totale km mancanti: 00 km


Centrare le condizioni favorevoli, individuare le strategie "volatorie" e sopratutto nel difficile durante la traversata, sono stati gli obiettivi tecnici del mio percorso.
Far corrispondere i miei programmi alle esigenze burocratiche di enti locali, tutori degli spazi aerei e gente dietro le scrivanie (che non sempre condividono la nostra passione per il volo e sopratutto per il nostro tipo di volo libero), non è stato facile.
Ma la mia avventura è andata avanti, con la mia equipe, preziosa, efficente.
Voglio ringraziare il mio compagno di avventura Richard Meredith, grande pilota di Deltamotore, mio antagonista nei vari campionati che ci siamo disputati insieme or sono alcuni anni fà!
Un grande ringraziamento ai miei partners tecnici: Icaro 2000, Woody Valley, Metamorfosi e Aire Cornizzolo che mi hanno agevolato prendendo in considerazione le mie esigenze tecniche e a volte uscendo dai loro standard costruttivi.
Ma questo sogno è scaturito da un grande desiderio che ci accomuna ed è la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.
Desideravo capire cosa prova un migratore nel corso di un suo viaggio, viaggio dettato dal suo istinto che io posso solo provare di imitare.
Volevo sentirmi uno di loro rientrando a casa mia e proveniente da un'altro continente, un migratore, e così è stato. Ma ancora e soprattutto in volo non smettevo di pensare che ad accoglierli, questi rapaci stremati, non trovano amici, giornalisti nè champagne... spesso uomini vigliacchi dietro canne di fucile.


Un caro saluto a tutti
Angelo


a.carrino@deltafly.it back | homeposta | copyright © | commenti webmaster@deltafly.it